latti formulati, vaccini e non

Spazio di confronto e sostegno per genitori che propongono ai propri figli un'alimentazione a base vegetale.

Moderatore: mammafelice

latti formulati, vaccini e non - venerdì 25 aprile 2008, 21:42 da Vera
http://tippitappi-it.blogspot.com/2008/ ... ccini.html

Questi sono due dei tanti latti di proseguimento 100% vegetali che si possono acquistare in Farmacia. Costano circa 17 euro al barattolo (gr. 400) e facendo un biberon da 250 ml. ogni mattina, riesco a farmelo durare quasi tre settimane. Io sono riuscita ad allattare Tommaso con il mio latte fino a un anno ma anche adesso che ha quasi 2 anni continuo a dargli questi latti di proseguimento una volta al giorno. Sono cari, d'accordo, ma in assenza del latte della mamma, sono fondamentali per garantire l'assunzione di tutte le vitamine e sali minerali essenziali per la crescita. Anche se il bimbo tollera il latte vaccino senza problemi e a due anni può già berlo puro (non in polvere), bisogna ricordare che la composizione chimica di questo latte è stata studiata da madre natura solo ed esclusivamente per il vitello. Un vitello che ha 4 stomaci, diventa adulto in un anno e pur essendo un mammifero è comunque molto diverso da nostro figlio. Sommariamente il latte di mucca è 4 volte più proteico di quello umano (e non è affatto un bene) molto più grasso, poco dolce e altamente allergizzante (coliti, stitichezza, otiti, raffreddori, asma... sono solo alcune delle patologie a cui è associato)
Il Dott. Proietti, che consiglia una dieta vegetariana ai bambini, dice che il latte (della mamma o adattato) rimane l'alimento più importante fino ai tre anni di vita del bambino.
ISOMIL 2 Alimento in polvere privo di Lattosio - A base di proteine della soia
(prodotto in Olanda)
APTAMIL SOYA 2 di Milupa - Alimento di proseguimento a base di proteine isolate di soya (prodotto in Italia)
Questi latti vanno bene dal 4°/6° mese in poi ma ci sono anche quelli per i primissimi mesi (immagino col numero 1 anzichè 2)
Questi latti artificiali (o adattati) sono "completi" esattamente come quelli di derivazione vaccina, ma migliori sotto molti punti di vista.... - che ben conosciamo.
Consiglio questi latti di proseguimento a tutte le mamme vegetariane/vegane.
Usare il search è cosa buona e giusta! :D Vieni a sbirciare nel mio blog? :)

Immagine "Quando seguiamo l'istinto, siamo come una notte stellata: guardiamo il mondo con migliaia di occhi." (C. P. Estes) Immagine
Avatar utente
Vera
utente senior
 
Msg.: 10393
Iscritto il: martedì 25 aprile 2006, 10:47
Località: Provincia di Napoli

- lunedì 28 aprile 2008, 16:32 da evelyn73
Ottimo :)
Qualcuno ha anche qualche esperienza col latte adattato derivato dalle proteine del riso?
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

- lunedì 28 aprile 2008, 17:53 da mammafelice
Sì io! Avevo provato un latte adattato di nome RISOLAC della Plasmon, il bimbo lo beveva senza problemi però aveva un odoraccio terribile e gli faceva puzzare anche la pipì (quindi il pannolino); insomma dava proprio un cattivo odore al bimbo!
Ora uso il latte MELLIN SOIA 2, a base di proteina di soia. Digerisce senza problemi, gli piace e Poietti mi ha detto che è ben bilanciato ( e leggermente meno caro, circa 14 euro).
Non so se ne esistano altri a base di proteine di riso...
Avatar utente
mammafelice
Moderatrice
 
Msg.: 3530
Iscritto il: martedì 18 dicembre 2007, 10:52
Località: provincia di torino

- mercoledì 1 ottobre 2008, 16:13 da evelyn73
Qui e qui altri latti derivati dalle proteine della soia.
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

- sabato 4 ottobre 2008, 12:42 da piperita3
Concordo con mammafelice riguardo al risolac: avevo provato a darlo a Jacopo l'anno scorso per portarlo come merenda al nido quando agli altri bimbi davano latte e biscotti ma è veramente pessimo! Anche il bimbo lo rifiutava nonostante provassi a camuffarglielo in tutti i modi. Giudizio quindi negativo.

Per quanto riguarda il latte di soia formulato invece, aggiungo un'altro prodotto consigliatomi direttamente dal dott. Proietti e che sto attualmente dando al mio bambino insieme all'isomil 2 (sempre consigliatomi da Proietti).
Si tratta di questo http://metropa.net/dicofarm-web/latti.htm#
Francamente credo che l'isomil sia un po' meglio di sapore ma il biosoya ha di buono che non contiene OGM.
Avatar utente
piperita3
junior
 
Msg.: 46
Iscritto il: venerdì 3 ottobre 2008, 17:43
Località: Roma

- martedì 7 ottobre 2008, 15:03 da mammafelice
Eccomi tornata!
Vorrei dire una cosa, anche a me l'argomento OGM preoccupava molto, così ho telefonato alla Mellin e mi sono informata un po': il latte formulato è a base di soia garantita NON-OGM, almeno alla Mellin mi hanno detto che la regolamentazione sull'alimentazione per l'infanzia è severa al riguardo, anche se non bio. Anche sul sito, da qualche parte, era scritto.
Credo che lo stesso valga per le altre marche...
Avatar utente
mammafelice
Moderatrice
 
Msg.: 3530
Iscritto il: martedì 18 dicembre 2007, 10:52
Località: provincia di torino

- martedì 7 ottobre 2008, 15:33 da evelyn73
mammafelice ha scritto:il latte formulato è a base di soia garantita NON-OGM, almeno alla Mellin mi hanno detto che la regolamentazione sull'alimentazione per l'infanzia è severa al riguardo, anche se non bio....
Credo che lo stesso valga per le altre marche...

A qs proposito ho trovato questo interessante documento di cui riporto uno stralcio.

Nel 1994, in recepimento alla direttiva 91/321/CEE, viene emanato il decreto 6 aprile 1994, n°500 che costituisce il regolamento di riferimento per la disciplina degli alimenti per lattanti e degli alimenti di proseguimento. Successivamente, il decreto 1 giugno 1998, n°518 ha apportato alcune modifiche al D.M. 500/94, mentre il decreto 31 maggio 2001, n° 371 ha introdotto il divieto di utilizzo di materiale derivato da organismi geneticamente modificatied ha definito il limite di residui di antiparassitari (0.01mg/kg di prodotto pronto per il consumo)
Immagine
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

- martedì 7 ottobre 2008, 15:35 da mammafelice
Ecco appunto, brava Evelyn che hai scovato anche il decreto! In ogni caso dovrebbero essere abbastanza sicuri anche i prodotti non bio.... Si spera!
Avatar utente
mammafelice
Moderatrice
 
Msg.: 3530
Iscritto il: martedì 18 dicembre 2007, 10:52
Località: provincia di torino

- lunedì 3 novembre 2008, 16:28 da evelyn73
Se ho capito bene é entrata in vigore la Direttiva della CE n. 141 del 2006 2006/141, che abroga la precedente direttiva 91/321/CEE.

http://europa.eu/scadplus/leg/it/lvb/l21101.htm

Pare che un po' tutte le marche "classiche" si stiano adeguando, neolatte ad esempio sta cambiando le diciture delle confezioni e anche la composizione.
Ora neolatte1 va bene fino al sesto mese (prima fino al quarto).
Neolatte2 ora é indicato dal sesto mese in poi.

In neolatte1 hanno aggiunto manganese, fluoro, selenio, non so ancora in che quantitá.

Ah, le confezioni di neolatte1 e 2 ora sono da 800 gr anziché 900.....prezzo invariato!! :twisted:
Se notate cambiamenti sulle confezioni (x i latti di partenza e di proseguimento) lo potete riportare qua?
:)
Immagine
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

- lunedì 17 novembre 2008, 9:42 da evelyn73
Tempo fa scrissi una mail a varie "case produttrici" per sapere qualcosina in + di qs direttiva CE, che come visto con neolatte, ha cambiato un po' di cose.
Solo Humana mi ha risposto!
A titolo informativo, Vi copio la loro mail, magari a qualcuna interessa

Gentile cliente,
La ringraziamo per averci scritto. A gennaio 2008 è entrata in vigore anche nel nostro Paese la
direttiva 2006/141/CE, che ha portato alcuni cambiamenti sulla composizione dei latti per
lattanti, fissando i valori minimi e massimi dei loro ingredienti, incluse le vitamine e i sali
minerali. In particolare, per contrastare il diffuso fenomeno dell'obesità infantile, è stato
abbassato il valore calorico consentito per 100 ml, che oggi deve essere compreso tra le 60 e le
70 kcal. I latti che non rientrano in questi parametri sono considerati "prodotti dietetici
destinati a fini medici speciali".
Va peraltro rilevato che, dal punto di vista nutrizionale, nonché del sapore, i cambiamenti
rispetto alle formulazioni precedenti sono davvero minimi e risulteranno praticamente impercettibili per i consumatori.
Parallelamente, le direttive 1924/1925, hanno regolamentato i messaggi contenuti nelle
etichette, in un'ottica di maggior trasparenza.
Humana Italia, come tutte le altre aziende, si è ovviamente adeguata a questa nuova normativa; ma naturalmente, poiché il periodo di validità del latte in polvere è di 24 mesi, sarà possibile
trovare in commercio fin quasi alla fine del 2009 anche il latte prodotto prima del gennaio 2008,
con la vecchia formula e la vecchia etichetta.
La direttiva stabilisce che non possono più essere commercializzati latti non conformi alla
nuova normativa a partire dal 1° gennaio 2010.
Per quanto riguarda il latte liquido pronto all'uso, invece, che ha un periodo di validità di
soli otto mesi, in commercio troverà ormai esclusivamente le nuove confezioni.
Augurandoci di aver chiarito ogni Suo dubbio, restiamo a disposizione per ogni ulteriore informazione.

Humana Italia
Customer Service
Immagine
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

- giovedì 27 novembre 2008, 9:44 da evelyn73
Oltre al risolac plasmon, qualcuna di voi sa se ci sono altri latti formulati derivati dalle proteine del riso? O cmq una formulazione che vada bene sia per bimbi intolleranti alle PLV che alla soia?
Immagine
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

riassunto - domenica 8 febbraio 2009, 8:37 da evelyn73
I latti in polvere sono tantissimi e non é facile orientarsi fra i vari prodotti che il mercato offre.
Qua e lá nel forum ne abbiamo parlato, provo a fare un riassunto.
Se non ci sono problemi di allergie alle proteine del latte vaccino né problemi di intolleranza al lattosio, le formulazioni derivate dalle proteine del latte vaccino (cioé le + note mellin, neolatte, humana, nidina) vanno bene per i bambini, nel senso che il prodotto finale é completamente diverso dal latte di mucca di latteria. Soprattutto i latti di partenza (quelli contrassegnati dal n. 1) sono fatti in modo da riprodurre fedelmente (per quanto possibile) la composizione del latte materno. Anche i latti di proseguimento (quelli constrassegnati dal n.2) che sono indicati dal sesto mese sino all'anno (che poi secondo me si possono dare tranquillamente anche oltre l'anno, tralasciando i latti di crescita) sono prodotti assai diversi dal latte fresco di latteria.
Qui c'é un documento che spiega le modifiche che subisce il latte vaccino:
http://www.neolatte.it/download/approfondimento.pdf

Ci sono poi latti in polvere derivati dalle proteine della soia oppure ancora derivati dalle proteine del riso.
Questi latti in polvere derivati da proteine di origine vegetale hanno lo stesso profilo nutrizionale dei piú comuni latte in polvere in commercio (humana, neolatte&co.) e non sono assolutamente da confondere con le comuni bevande a base di soia o di riso, di cui si é parlato qui.

Le formulazioni derivate dalle proteine della soia si trovano in farmacia o in supermercati ben forniti.
Alcuni esempi di latti derivati dalle proteine della soia

Le formulazioni derivate dalle proteine del riso le ho sempre viste solo in farmacia (risolac palsmon) e si danno ai bimbi intolleranti sia alla soia sia alle proteine del latte vaccino o che hanno altri problemi x cui x loro é + indicato quel latte.

I vegan stretti solitamente optano per formulazioni derivate dalle proteine della soia o del riso (che sono nutrizionalmente identiche a quelle derivate dalle proteine del latte vaccino), indipendentem da problemi di allergia o intolleranza del piccolo.

C'é una legislazione in materia di latti artificiali (direttiva CE di cui si é parlato poco sopra), per cui i vari latti devono rispettare determinati parametri e non possono quindi differire di molto uno dall'altro.
Immagine
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

Re: - domenica 8 febbraio 2009, 9:15 da evelyn73
evelyn73 ha scritto:Se ho capito bene é entrata in vigore la Direttiva della CE n. 141 del 2006 2006/141, che abroga la precedente direttiva 91/321/CEE.

http://europa.eu/scadplus/leg/it/lvb/l21101.htm

Pare che un po' tutte le marche "classiche" si stiano adeguando, neolatte ad esempio sta cambiando le diciture delle confezioni e anche la composizione.
Ora neolatte1 va bene fino al sesto mese (prima fino al quarto).
Neolatte2 ora é indicato dal sesto mese in poi.

In neolatte1 hanno aggiunto manganese, fluoro, selenio, non so ancora in che quantitá.

Ah, le confezioni di neolatte1 e 2 ora sono da 800 gr anziché 900.....prezzo invariato!! :twisted:
Se notate cambiamenti sulle confezioni (x i latti di partenza e di proseguimento) lo potete riportare qua?
:)


Se interessa, adesso neolatte3 é praticamente uguale a neolatte2 :roll:
Entrambe le confezioni indicano dal sesto mese in poi
Sul 2 non é specificato fino a quando si usa
sul 3 si dice fino ai 3 anni
Ho parlato con una farmacista che ha una piccola di 15 mesi a cui dá il neolatte2; dice che é meglio
Valori nutrizionali sott'occhio, le differenze sono minime minime.
A qs punto il 3 é solo una trovata commerciale :?: visto che sono simili e che il 2 si puó dare ben oltre l'anno.
Forse perché secondo l'opinione comune e secondo lo svezzam classico a 12 mesi scatta l'ok per il latte fresco di latteria e quindi uno é portato a pensare che in quel momento "deve" abbandonare il latte in polvere n.2 per passare al latte fresco di latteria oppure (a suon di pubblicitá) ad un latte n. 3
e magari non lo possono dire che si puó continuare col 2 per gli interessi economici di chi deve vendere latte di mucca?
Sto delirando :?: :roll: :D :shock:
che ne pensate?

Diverso il discorso per il latti di crescita liquidi tipo david plasmon o mio nestlé, quelli sono giá molto + simili al latte di mucca, hanno in + qualche vitamina e minerali aggiunti. ...(sempre parole della suddetta farmacista ma hanno confermato la mia idea che mi son fatta nel tempo)..
Immagine
Avatar utente
evelyn73
Moderatrice
 
Msg.: 2029
Iscritto il: sabato 8 dicembre 2007, 10:25
Località: provincia di trento

Re: Formulazioni per l'infanzia - domenica 8 febbraio 2009, 13:53 da sele761
io ho usato isomil soya, che in farmacia costa 17€, ma da io bimbo l'ho preso a 12€...volendo si puo' spendere anxhe meno...
Immagine
Avatar utente
sele761
utente senior
 
Msg.: 260
Iscritto il: lunedì 6 ottobre 2008, 16:21

Latte formulato - sabato 14 febbraio 2009, 0:41 da koretta
Salve a tutti!!!
il mio cucciolo ha quasi 1 anno... a giorni... lo allatto ancora, non ho chissà che quantità di latte ma finchè Nicolò richiede la "sua" tetta l'avrà... però visto che il mio latte scarseggia e lui sta crescendo volevo informarmi sul latte formulato visto che per ora non intendiamo dargli latte vaccino.
Che latte formulato mi consigliate?
Ho visto quello della hipp liquido...
http://www.hipp.it/fileadmin/_bilder/produktbilder_PDFs/it/IT_2200_75-2.pdf
Ho letto le discussioni in cui si parla di neolatte e aptamil... anche holle... sono un pò confusa...
grazie infinite in anticipo... siete preziose
Avatar utente
koretta
junior
 
Msg.: 91
Iscritto il: domenica 24 agosto 2008, 15:06

Prossimo

Torna a Vegetarismo e veganismo nell'infanzia

Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti